Bottone rivista_Tavola disegno 1

IL PREPOSTO AZIENDALE

Una figura fondamentale nell’organizzazione della sicurezza e nell’attività di vigilanza sui lavoratori

Torniamo a parlare degli adempimenti obbligatori in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro. Prendo spunto da quanto pubblicato dal Ministero del Lavoro che fornisce chiarimenti in merito all’obbligo di individuazione del preposto aziendale, con riguardo, in particolare, alle piccole realtà aziendali in cui il datore di lavoro può anche essere il preposto (ML interpello 1° dicembre 2023, n. 5).

 

QUESITI PER L’INVIDUAZIONE

Il Ministero del lavoro, nell’interpello n. 5/2023, risponde all’istanza di interpello nella quale la Camera di Commercio di Modena ha posto i seguenti quesiti:

  • se l’obbligo di individuare il preposto sia sempre applicabile;
  • se piccole realtà aziendali dove il datore di lavoro sia anche il preposto debbano provvedere all’individuazione;
  • se la figura del preposto possa coincidere con lo stesso datore di lavoro;
  • se debba essere comunque individuato un preposto qualora una attività lavorativa non abbia un lavoratore che sovrintende l’attività lavorativa di altri lavoratori.

 

Il Ministero sottolinea, innanzitutto, la volontà del legislatore di rafforzare il ruolo del preposto, quale figura di garanzia e che, di conseguenza, sussiste sempre l’obbligo di una sua individuazione anche nei casi in cui la complessità organizzativa dell’attività sia modesta. La coincidenza della figura del preposto con quella del datore di lavoro deve essere considerata solo come extrema ratio – a seguito dell’analisi e della valutazione dell’assetto aziendale, in considerazione della modesta complessità organizzativa dell’attività lavorativa – laddove il datore di lavoro sovrintenda direttamente a detta attività, esercitando i relativi poteri gerar chicofunzionali. Non potendo un lavoratore essere il preposto di se stesso, nel caso di un’impresa con un solo lavoratore le funzioni di preposto saranno svolte necessariamente dal datore di lavoro. La designazione dei preposti può avvenire in qualsiasi fase di vita di un’azienda. Si ricorda comunque che le responsabilità attribuitegli decorrono dal momento in cui egli esercita, di fatto, la posizioni di preposto anche in assenza di atto formale.

 

DEFINIZIONE DI PREPOSTO

Il preposto è la persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sovrintende all’attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa. Il preposto, dunque, è colui il quale vigila sull’attività lavorativa degli altri lavoratori, per garantire che essa si svolga nel rispetto delle regole della prevenzione ed è fornito di un limitato potere di impartire ordini e istruzioni, peraltro di natura tendenzialmente esecutiva.

 

NATURA E RUOLO

Tale definizione fotografa la posizione del preposto ponendo l’accento sulla natura dell’incarico conferito per cui il ruolo discende dalla posizione effettiva assunta all’interno delle singole aziende (tipicamente caporeparto, caposquadra, ecc.). Il preposto è individuato a partire dall’effettivo ruolo che ricopre nell’attività aziendale e viene individuato direttamente dalla legge, come soggetto cui competono poteri specifici collegati alle funzioni ad egli demandate, la cui inosservanza comporta la diretta responsabilità del soggetto iure proprio.

 

NECESSARIA INDIVIDUAZIONE

Sebbene fino al 2021 il principio “dell’effettività” fosse sufficiente ad individuare le persone che ricoprivano il ruolo di preposto, ad oggi, è necessario individuare tali figure, qualora presenti, “per l’effettuazione delle attività di vigilanza di cui all’articolo 19”. Il preposto non è chiamato quindi a rispondere in merito alle proprie responsabilità in quanto delegato o incaricato dal datore di lavoro, ma bensì a titolo diretto e personale per l’inosservanza di obblighi che fanno capo a egli stesso. La presenza di una designazione formale ha essenzialmente la funzione di ufficializzare l’assegnazione dei compiti, ma anche di dimostrare all’interno dell’azienda la presenza di un’organizzazione efficace e adeguata.

 

FORMAZIONE ADEGUATA

Compito dei Datori di lavoro è quello di formare adeguatamente i preposti secondo quanto previsto dal D.Lgs. 81/08, ovvero somministrare un corso di 8 ore, aggiuntivo alla formazione base e specifica. Tale formazione prevede che nel quinquennio successivo al corso di 8 ore, il preposto frequenti corsi di aggiornamento per un minimo di 6 ore.

IN SINTESI

È obbligatorio nominare formalmente i preposti. Il preposto è chiamato a rispondere in merito alle proprie responsabilità a titolo diretto e personale per l’inosservanza di obblighi che fanno capo a egli stesso. I preposti devono frequentare un corso di 8 ore.

michele nogara
*Michele Nogara
Specialista in Ispezione degli Alimenti di origine Animale
(ASL Como – Albo Milano n.2421)
Auditor Sistemi Gestione Salute e Sicurezza OHSAS 18000
Auditor Sistemi Gestione Qualità ISO 9000
Auditor Sistemi Gestione Sicurezza Alimentare ISO 22000
RSPP abilitato per tutti i macrosettori ATECO
 
Attuale posizione presso
CHENO SERVIZI srl
Agenzia formativa Accreditata Regione Lombardia
Via Airolo, 4 – Milano
logo DH

Seguici sempre sui nostri social

 Instagram – Facebook – Linkedin

RELATED POST

L'industria delle bevande in generale sta entrando in una nuova era. I produttori di birra, vino, alcolici e bevande analcoliche, precedentemente ‘puri’, stanno adottando un approccio olistico per soddisfare una gamma più ampia di preferenze e occasioni di consumo.
I dati più recenti dell'IWSR mostrano che il consumo di analcolici nei 10 principali mercati no/low-alcohol del mondo che rappresentano circa il 70% dei volumi globali di analcolici, è cresciuto del +5% in volume nel 2023 e il mercato vale ora oltre 13 miliardi di dollari.