Bottone rivista_Tavola disegno 1

INFLAZIONE ENERGETICA ECCO LA SFIDA PIÙ PREOCCUPANTE

Il 69,2% delle aziende italiane F&B individua nell’inflazione energetica il problema più grave causato dall’odierno stato di crisi permanente

Quale è stato e quale è oggi il reale impatto sul tessuto F&B italiano della crisi innescata a partire dal Covid e proseguita con lo scoppio del conflitto in Ucraina? A provare a dare una rispostaa tale domande è stato il forum intitolato “La Roadmap del futuro per l’F&B: quali evoluzioni e quali sfide per i prossimi anni” organizzato per il 7 anno da The European House – Ambrosetti. Dalla ricerca, realizzata su un campione di 500 aziende del comparto, è emerso come, quando si parla di impatti della cosiddetta odierna “Poli-Crisi” a preoccupare le aziende del settore F&B è prima di tutto l’inflazione energetica. A dichiararlo il 69,2% delle aziende italiane, ovvero sette su dieci.

POLI-CRISI

Con il termine di uso recente “Poli-Crisi” si indica la crisi permanente che l’economia globale sta vivendo da oltre 3 anni, tra eredità post Covid, emergenza materie prime, crisi energetica e allarme inflazione

QUALI SONO I FATTORI A PIÙ ELEVATO IMPATTO SULL’AZIENDA?

Fonte: elaborazione The European House su survey alle imprese italiane del F&B, 2023

2023, UN ANNO COMPLESSO

La filiera agroalimentare italiana contribuisce alla realizzazione del 16,4% del PIL nazionale. Con 282 mld di euro di valore aggiunto, di cui circa 64 diretti, il contributo dell’agroalimentare al PIL italiano è pari a 2,5 volte il settore automotive di Francia e Spagna messe insieme. Nel 2022, però, la bilancia commerciale della filiera agroalimentare italiana è tornata negativa con un saldo di -2 miliardi di euro, dopo i primi 3 anni di solidità dal 2019 al 2021. E il 2023 si prospetta un altro anno complesso, con la recente alluvione in Emilia-Romagna che ha aggravato la situazione.

 

GLI EFFETTI DELLA POLI-CRISI

Nella lista degli impatti negativi, secondo le aziende, al 2° posto ci sono gli effetti della crisi inflattiva delle materie prime (49,9%), gli strascichi della pandemia Covid (23%), la difficoltà di approvvigionamento degli input produttivi (22,2%), in linea con la crescita dei prezzi delle materie prime, e l’impatto dei danni legati alla siccità (13,5% delle imprese).

Va sottolineato, però, come un’impresa su tre abbia dichiarato di aver mantenuto il proprio piano strategico in questo periodo di crisi. Con quasi il 39,4% delle imprese che hanno aumentato i prezzi al consumo meno di quanto sia aumentata l’inflazione.

DUE GIORNI

PER L’F&BIl forum organizzato da Ambrosetti Club e intitolato “La Roadmap del futuro per il Food&Beverage: quali evoluzioni e quali sfide per i prossimi anni” si è tenuto a Bormio il 9 e 10 giugno scorsi. L’evento ha riflettuto sul ruolo strategico della filiera agro-alimentare per la resilienza e la competitività del Paese in un momento di grande complessità.

INCREMENTO COSTI ENERGETICI PER LE AZIENDE (2022 VS 2021, VALORI %)

Fonte: elaborazione The European House su survey alle imprese italiane del F&B, 2023

IMPATTO CRISI SULLA CATENA DI APPROVVIGIONAMENTO

Fonte: elaborazione The European House su survey alle imprese italiane del F&B, 2023

logo DH

Seguici sempre sui nostri social

 InstagramFacebookLinkedin

RELATED POST

Con l'inizio del nuovo anno, gli appassionati di birra possono già stuzzicare la loro curiosità per le ultime novità del mondo brassicolo.