Bottone rivista_Tavola disegno 1

INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE? ECCO L’APPROCCIO DEL GRUPPO LUNELLI

Dopo l’acquisizione del marchio Tassoni, il Gruppo Lunelli è sempre più leader del comparto Horeca. Ne abbiamo parlato con Massimiliano Capogrosso, direttore commerciale Italia Gruppo Lunelli (Foto di copertina)

“Una distribuzione studiata in modo strategico e con un marketing mix adeguato credo sia uno degli strumenti fondamentali per la creazione di brand di successo”

I migliori risultati, nell’universo di filiera sempre più complesso e articolato che caratterizza il comparto Horeca, si ottengono con una reale partnership tra industria e distribuzione. Ne è convito uno dei leader del comparto beverage italiano, Gruppo Lunelli, realtà trentina nata agli inizi del Novecento con l’obiettivo di diventare punto di riferimento nel mondo delle bollicine italiane e arrivata oggi a contare marchi di eccellenza tanto nel settore alcolico quanto in quello analcolico.

«Sono assolutamente convinto – sottolinea Massimiliano Capogrosso, direttore commerciale Italia del Gruppo Lunelli – che una distribuzione studiata in modo strategico e con un marketing mix adeguato sia uno degli strumenti fondamentali per la creazione di brand di successo. Ferrari Trento con 120 anni di storia è un perfetto esempio in questo senso. Nello specifico la distribuzione fatta dai grossisti è “l’anello della catena” che permette a ogni marchio di avere una distribuzione capillare sul territorio con un’ampia gamma di referenze, arrivando a coprire davvero tutti i punti di consumo; rappresenta, dunque, un elemento indispensabile per rafforzare oltre che la riconoscibilità di un marchio, anche la conoscenza da parte del pubblico di tante referenze di prodotto».

Cosa vorreste veder realizzato da parte dell’ingrosso e cosa invece vi impegnate a fare per raggiungere l’obiettivo?

«Il sogno di qualsiasi azienda è quello di vedere distribuito il proprio prodotto ovunque e il Gruppo Lunelli lavora in questa direzione cercando di creare non solo un rapporto meramente commerciale con il grossista, legato dunque a promozioni e scontistiche, ma dedicando anche molte energie nelle attività di formazione dei venditori, raccontando e facendo degustare ogni prodotto, in modo da permettere una presentazione e una vendita più personalizzata per ciascun cliente. L’acquisizione di Tassoni nel gruppo, inoltre, ha aperto anche le porte al settore della mixology, dove la conoscenza del prodotto e la qualità sono fondamentali».

th_CEDRATA Tassoni

Cedral Tassoni, entrata a far parte del Gruppo Lunelli dal 2021

In tal senso, l’acquisizione di Tassoni ha rafforzato ulteriormente il posizionamento nel mondo beverage Horeca del Gruppo Lunelli. Quali sono gli orizzonti per il 2023?

«L’ultima entrata nel Gruppo Lunelli ha una forza di brand incredibile, con un grandissimo potenziale. Vogliamo lavorare nell’ottica di un ampliamento della gamma di prodotti, puntando su ingredienti naturali e qualità eccellente, approcciando anche il mondo della mixology e aprendo così anche al mercato più giovane, che a oggi conosce meno la cedrata Tassoni rispetto alle generazioni più adulte per cui è ancora un prodotto iconico. Nel 2023 abbiamo un bellissimo programma di rilancio per Tassoni».

Nel vostro portfolio, oltre alla già citata Tassoni, ci sono brand quali Surgiva. Relativamente alla crisi legata alla carenza di Co2, credete sia un momento passeggero o qualcosa di cui preoccuparsi per il futuro?

«Siamo riusciti a gestire questa emergenza in modo fattivo, ma non possiamo purtroppo affermare con certezza che sia stato un momento passeggero. Una problematica di questa portata richiede un intervento da parte del Governo, che infatti si è mosso in questo senso. Ci auguriamo ovviamente che non si verifichi nuovamente, sia per non mettere in crisi l’intero settore delle bibite gasate, ma soprattutto per le condizioni che hanno fatto scaturire questa emergenza».

th_Surgiva Trentino JPG_132_161

Quali i servizi dedicati ai distributori Horeca sui quali puntate di più?

«Abbiamo molte iniziative commerciali attive, ma stiamo puntando in particolare sulla formazione, che, al di là di raccontare al singolo distributore le varie referenze, possa far conoscere i prodotti e le loro caratteristiche organolettiche attraverso degustazioni organizzate dai nostri brand ambassador e incontri formativi direttamente nelle nostre sedi, per far conoscere a pieno la nostra realtà e la nostra attenzione per l’eccellenza in ogni passaggio, dalla produzione alla vendita».

Nel 2022 è nata una nuova realtà per il mondo della distribuzione italiana: Rete Distributori Horeca. Che cosa ne pensa?

«È un gruppo che dimostra una serietà ineccepibile, anche in momenti come questi, in cui tutti ci troviamo ad affrontare le varie problematiche di mercato legate agli argomenti che ben sappiamo. Possiamo serenamente affermare che, per la nostra esperienza, tutti gli associati che sposano un progetto di Gruppo riescono a creare con noi una forte sinergia e creano delle fidelizzazioni da parte del cliente che pagano nel lungo periodo».

GRUPPO LUNELLI

La storia imprenditoriale della famiglia Lunelli prende il via nel 1952, quando Bruno Lunelli rileva le Cantine Ferrari, fondate a Trento nel 1902. Dagli anni Ottanta, nel segno di una strategia di diversificazione nell’eccellenza del bere, il Gruppo Lunelli affianca alle bollicine Ferrari Trentodoc una grappa, Segnana, un’acqua minerale, Surgiva, i vini fermi trentini, toscani e umbri delle Tenute Lunelli e uno storico marchio del Prosecco Superiore di Valdobbiadene, Bisol1542. Completano il quadro il ristorante stellato Locanda Margon, alle porte di Trento, e dal 2021 Cedral Tassoni, l’azienda nota per l’iconica cedrata. Si amplia così il Gruppo Lunelli, le cui creazioni si distinguono per il forte legame con il territorio, l’innovazione nel rispetto della tradizione, l’attenzione alla sostenibilità e la ricerca della qualità in ogni dettaglio.

Seguici sempre sui nostri social

InstagramFacebookLinkedin

logo rivista Distribuzione Horeca

RELATED POST

Con uno sguardo rivolto al passato e un pensiero verso il futuro, la famiglia Arione affronta le sfide quotidiane puntando sull’innovazione e su una nuova immagine