Bottone rivista_Tavola disegno 1

RIFORMA FISCALE 2023: QUANTO INCIDERÀ SULL’IMPRENDITORE?

La riforma fiscale 2023 dovrebbe garantire una maggiore equità del carico fiscale e aumentare l’efficienza di tutto l’apparato tributario

Cosa dovrà aspettarsi l’imprenditore da questi eventuali cambiamenti? Come incideranno le misure sul suo business? Come potrà proteggere la propria azienda e risparmiare sulla tassazione?

Facciamo chiarezza.

 

GLI OBIETTIVI DELLA RIFORMA

Risale agli anni ’70 l’ultima riforma dell’apparato tributario italiano. Nel tempo, si sono susseguiti una serie di norme “tappabuchi”, ma senza mai arrivare a interventi strutturati che mirassero a migliorare il sistema fiscale italiano. Conseguenza di tutto ciò: un Fisco complesso, poco intuitivo e meno equo. La riforma fiscale 2023, che il Ministero dell’Economia ha indicato e che entro marzo sarà portata al vaglio del Governo per procedere poi a una decisione finale, dovrebbe porre fine a tutto ciò. Dunque, parliamo di una necessità assoluta che, tra l’altro, chiede anche l’UE.

La nuova riforma ha come obiettivo primario quello di:

 

  • portare a un Fisco più snello;
  • garantire un maggiore equilibrio tra Amministrazione Finanziaria e impresa.

 

OPPORTUNA SUDDIVISIONE

Per raggiungere questi obiettivi la riforma sarà così suddivisa in sede di analisi:

 

  • la prima riguarderà la revisione di alcuni principi generali, per rendere tutto più armonico con

il sistema tributario dei maggiori Paesi Europei;

  • la seconda dovrà portare a una revisione delle imposte, intervenendo in particolare sull’imposta Irpef per riformarla ancora di più

(dopo essere già stata modificata dalla Legge di Bilancio 2022);

  • la terza fa riferimento ai procedimenti relativi alle dichiarazioni, accertamenti e contenziosi tributari;
  • la quarta parte riguarda l’accorpamento dei Testi unici.

 

Questi i punti salienti della prossima riforma fiscale che dovrebbe vedere la luce entro il 2023. Spetta, non solo al Governo, ma anche all’Agenzia delle Entrate, professionisti, politica e associazioni di categoria, giungere poi a un testo finale che risponda agli obiettivi prefissati in fase di stesura della riforma.

 

LE ALIQUOTE IRPEF

Concentriamoci ora sulla seconda parte della riforma. In particolare sull’aliquota Irpef perché è quella che potrebbe maggiormente colpire e incidere, anche negativamente, sulle casse dell’imprenditore. La Legge di Bilancio 2022 aveva già modificato le aliquote Irpef riducendole da 5 a 4. Ad oggi le aliquote sono così distribuite:

 

  • 23% fino a 15.000 euro di reddito;
  • 25% per i redditi da 15.000 a 28.000 euro;
  • 35% per i redditi da 28.000 a 50.000 euro;
  • 43% per i redditi oltre 50.000 euro.

 

La riforma fiscale del sistema dovrebbe apportare ulteriori modifiche a queste aliquote. Infatti, stando alle voci attuali, le aliquote vengono ulteriormente diminuite, da 4 a 3, e così distribuite per i vari scaglioni di reddito:

 

  • 23% per i redditi fino a 15.000 euro;
  • 27% per i redditi da 15.001 a 50.000;
  • 43% per i redditi superiori a 50.000 euro.

 

Oltre alla modifica delle aliquote in previsione, c’è anche l’inserimento di un quoziente familiare – ancora tutto da definire. Tecnicamente, però, si tratterebbe di un metodo di calcolo in cui l’imposta a debito è calcolata considerando il reddito complessivo della famiglia e il nu mero dei suoi componenti.

 

QUANTO INCIDERANNO QUESTE MISURE SULL’IMPRENDITORE?

Ma quanto potrebbe incidere sull’imprenditore questa riforma tributaria 2023? Non poco! Se pensiamo alle aliquote Irpef, per un imprenditore che è anche amministratore della propria Srl, ad esempio, su un compenso superiore a 50.000 euro, subirà la tassazione massima. Situazione che prima, più precisamente fino al 2021, non si verificava. Il compenso pari a 50.000 euro, prima delle modifiche apportate alle aliquote Irpef dalla legge di Bilancio, e ora magari ulteriormente modificate dalla riforma fiscale 2023, non subiva la tassazione massima. Per subire l’aliquota massima il compenso doveva essere pari a 75.000 euro.

La riforma, sotto questo aspetto, non è stata molto benevola nei confronti di questi soggetti, che sono imprenditori e amministratori della propria Srl. Un motivo in più per prestare maggiore attenzione all’utilizzo del Compenso Amministratore. Perché sì, è un ottimo strumento di pianificazione fiscale, che permette di ridurre la base imponibile sulla quale viene calcolata la tassazione, se abusato, però, può rappresentare un vero problema.

EFFETTO BOOMERANG 

Questo perché più è alto tale Compenso e maggiore è la deduzione e, quindi, la base imponibile. Quindi minore esborso fiscale per la Srl. Allo stesso tempo, quello risparmiato dalla Srl, ricadrà nelle tasche dell’imprenditore amministratore. Conseguentemente, essendo assoggettato all’aliquota Irpef più elevata, avrà un maggiore esborso fiscale.

 

SISTEMA TRIBUTARIO COMPLESSO E GRAVOSO, MA…

La tassazione, purtroppo, è un onere pesante sia per l’azienda, sia per te che sei imprenditore e, in questo caso, anche se sei amministratore della tua Srl. E la riforma fiscale pronta per il 2023, non aiuta in questo caso l’imprenditore. Tuttavia, il nostro sistema tributario, anche se complesso e gravoso, ti permette di ridurre l’esborso fiscale. 

 

COME?

Ad esempio, attraverso l’utilizzo di tutti quegli strumenti di pianificazione fiscale (prontamente normati e quindi assolutamente legali) che riducono la tassazione in capo all’azienda. Oppure, grazie a tutte le agevolazioni messe a disposizione dallo Stato che la tua azienda, e non solo, può sfruttare per mitigare l’esborso fiscale.

Perché attendere ancora e non utilizzare fin da subito questi strumenti di risparmio fiscale? 

gianluca massini rosati di soluzione tasse
logo DH

Seguici sempre sui nostri social

 Instagram – Facebook – Linkedin

RELATED POST

Con l'inizio del nuovo anno, gli appassionati di birra possono già stuzzicare la loro curiosità per le ultime novità del mondo brassicolo.